Cerca strutture

Città di destinazione



Data di arrivo
dateinput

Data di partenza
dateinput

Qualsiasi data

Tipologia
Best Rate Guaranteed



Parco del Gargano

Parco Nazionale del Gargano

Con la legge n. 394 del 6 dicembre 1991, disciplinante le aree naturali protette, è stato istituito il Parco Nazionale del Gargano, giusto riconoscimento ad un territorio da custodire per le sue caratteristiche biologiche ed ambientali.

In questa piccola isola biologica, circondata dal mare e dalla piana del Tavoliere e pari allo 0,7% del territorio nazionale, vi è un altissimo grado di biodiversità: sono presenti il 33% delle specie vegetali e 170 delle 237 specie di uccelli esistenti in Italia.

Singolari sono le "faggete garganiche" che, grazie alle abbondanti precipitazioni primaverili, riescono a vegetare molto al di sotto dei consueti 800 metri. A tigli, aceri, lecci e olmi si associano numerose piante endemiche quali la Scabiosa di Dallaporta, l'Inula candida, la Campanula garganica ed il Cisto di Clusio.

Parco Nazionale del GarganoEsclusiva e ricca risulta essere anche la fauna che spazia dall'airone rosso ai fenicotteri, dal gatto selvatico al moscardino ed al rarissimo esemplare del capriolo garganico.

Il paesaggio del massiccio garganico è stato modellato dagli agenti atmosferici e variamente scolpito dai fenomeni carsici.

Al carsismo, infatti, sono riconducibili i valloni, gli inghiottitoi, le numerose doline e grotte, molte delle quali di pregevole interesse archeologico.    

Spettacolari, ma accessibili solo ad esperti speleologi sono: la Grotta Paglicci (Rignano Garganico), la Grotta Scaloria (Manfredonia) e la Grava di Campolato (San Giovanni Rotondo).

Lo "sperone d'Italia", territorio naturalmente vocato a divenire Parco Nazionale per le varietà di ecosistemi in esso presenti, non è stato creato nè inventato, ma semplicemente scoperto.

 

Territorio